Primi giochi col Koala.

[singlepic id=885 w=110 h=119 float=left]Immediatamente dopo il rilascio di Ubuntu 9.10 ho provveduto a “piallare” il mio notebook e ad installare la versione definitiva del neonato di casa Canonical e, in mezzo all’entusiasmo per le novità, abbastanza consistenti direi (grub2, kernel 2.6.31, gnome 2.28, ubuntu software center, upstart…),  ritaglio questo piccolo spazio per documentare un bug che ha  rischiato di dirottarmi su Windows 7. E’ ovviamente un scherzo, tuttavia il baco non possedeva il senso dell’umorismo, infatti di punto in bianco e in maniera del tutto casuale il sistema andava in freezing. Tutto bloccato e per sbloccare l’unico modo era il “push” sul tasto accensione/spegnimento. La causa era naturalmente da ricercarsi nei driver nvidia e ho potuto porvi rimedio grazie a envy, ovvero i suddetti driver (ho usato sia i 185 che gli ultimissimi 192) scaricati da synaptic e attivati tramite l’utility Driver Hardware causavano il bug, mentre l’installazione tramite envy ha stabilizzato il sistema. Vai un po’ a capire quale opzione di configurazione ha modificato envy… . Boh…!

UPDATE
Mi correggo, pochi minuti dopo la pubblicazione di questo post e dopo un paio di giorni di “tranquillità”, è successo di nuovo. Se avete qualche idea mai come in questo caso risulta particolarmente gradita.

UPDATE N. 2
L’aggiornamento del kernel al 2.6.32 e dei driver nvidia nella versione 190 sembrerebbe aver risolto il problema. Sto testando il computer da circa un giorno e tutto pare a posto. Speriamo bene!

P.S. Problemi con la Ram li ho esclusi tramite memtest, e firefox, che in più di un forum viene tacciato quale causa abbastanza frequente di blocco del pc, nella fattispecie non è assolutamente responsabile, dunque logica vuole che il colpevole sia uno tra il kernel e i driver, o forse tutti e due?

Sbalorditivo!

Secondo i numeri di SLOCCount pubblicati sul blog di Cornelius Schumacher, le linee di codice di KDE sono 4.273.291 e per rifarlo occorrerebbe un investimento di ben 175.364.716 dollari. E poi criticano il modello del software libero… ! [singlepic id=884 w=320 h=240 float=center]

Quale distro per il piccolino? Quinta puntata (Finalmente Moblin).

Finalmente Karmic Moblin Remix funziona sul mio “piccolino”. Installazione andata a buon fine, wireless funzionante, niente più scatti, insomma quasi tutto alla perfezione. Il quasi è deteminato dall’impossibilità di ottenere l’interfaccia Moblin in italiano, ma è poca roba. [singlepic id=881 w=320 h=240 float=center]Distro dalla concezione rivoluzionaria, orientata al web 2.0 e, a mio parere, particolarmente adatta ai netbook di vecchia generazione, quelli con lo schermo inferiore ai dieci pollici, con una potenza di calcolo non elevata (la distro è particolarmente veloce nei tempi di boot e di risposta ai comandi), mentre per le macchine con processori Atom e schermi tra i 10 e gli 11,6 pollici sinceramente preferisco distribuzioni con maggiori possibilità di personalizzazione, flessibilità e controllo. De gustibus… ![singlepic id=882 w=320 h=240 float=center]

Google Chrome OS, le prime foto!

Non si possono far passare sotto silenzio le prime foto di Google Chrome OS. Ovviamente mi astengo da qualsivoglia giudizio di ordine tecnico (non ne ho ancora gli elementi) e/o filosofico ( le guerre di religione non mi sono mai piaciute e, in ogni caso, aspetto di apprendere sotto quale licenza verrà rilasciato, quali saranno le limitazioni etc…), per adesso godiamocele a questo link e prendiamole con un pizzico di … sale?

[singlepic id=880 w=320 h=240 float=center]

Quale distro per il piccolino? Terza puntata.

Oramai sta diventando un tormentone, ma la speranza è l’ultima a morire. Dopo questo campionario di frasi fatte segnalo di aver provato Ubuntu Moblin Remix 9.10 beta e nonostante parecchie imperfezioni e bug da risolvere, sono rimasto assolutamente entusiasta del prodotto. Intanto rispetto ad una settimana fa riesco a lanciare la distro in versione live sul mio “piccolino”, ed è già un passo avanti, se poi si riuscisse a far funzionare il wireless e a poter eseguire l’installazione il quadro sarebbe completo. Proprio quest’ultimo problema risulta particolarmente fastidioso, infatti dopo aver configurato il tutto (partizionamento, orario, utente etc…) il sistema si pianta alla prima schermata di installazione. Attenderò tempi migliori.