Ancora un post da wp per Android.

Secondo gli ultimi rumors è imminente l’arrivo di una ROM per HTC Tattoo, del resto il successo del processo di routing lo lasciava presagire, ma HTC cosa fa? A quando l’update alla versione 2.1 di Android?

Tattoo is rooted…

Questo è un grande post, per due motivi: 1) Su Twitter ho ricevuto la tanto attesa notizia che è stata finalmente aperta la breccia necessaria al routing del nostro amato HTC Tattoo.
2) Questo articolo è stato scritto con l’ applicazione WordPress per Android. Veramente spettacolare…, non credete?

Liferea + Google Reader + Htc Tattoo…

Nella logica del web 2.0, ovvero dell’integrazione ed interazione tra dispositivi diversi ho girato un po’ per i meandri della rete alla ricerca di un lettore di feed che fosse in grado di sincronizzarsi con Google Reader e, attraverso di esso, di interfacciarsi con il mio smartphone Htc Tattoo. Finalmente ho trovato la nuova versione di sviluppo di Liferea che oltre a fare quanto detto risolve anche il fastidiosissimo bug che si verifica nella release stabile su karmic: “una lentezza pachidermica”. E’ bastato aggiungere il repo$ sudo add-apt-repository ppa:bojo42/ppa poi un bel $ sudo apt-get update ed infine un aggiornamento (anche attraverso synaptic) del solo Liferea (nel repo ci sono altri programmi, dunque bisogna stare attenti. Consiglio di disattivare il ppa dopo l’aggiornamento/installazione di Liferea). Ecco il mio screenshot

[singlepic id=911 w=320 h=240 float=center]

Thunderbird 3 su Karmic con indicator-applet.

Assolutamente poco soddisfatto da Evolution e desideroso di un client di posta elettronica dalle funzionalità più sviluppate ieri decido di ritornare a Thunderbird e di provare l’ultima stable release, appunto la 3. Scarico ubuntuzilla da qui, lo installo così$ ubuntuzilla.py -a install -p thunderbirdrispondendo sempre “y” alle varie domande, configuro le estensioni più importanti quali Lightning, ThunderBrowse, Zindus ed Enigmail (quest’ultimo merita un post a parte per la procedura di gestione della firma elettronica e della generazione ed utilizzo di chiavi crittografiche per cifrare la posta. Mi riprometto di farlo al più presto.), creo gli account di posta con procedure semiautomatizzate (il programma è in grado di cercare le impostazioni più adatte per il tipo di servizio utilizzato) ed infine mi accorgo che indicator-applet (la piccola busta da lettera in alto a destra accanto all’orario) non si accorge di Thunderbird. Una piccola ricerca mi permette di individuare la soluzione:
Digitare sul terminale sudo gedit /usr/share/indicators/messages/applications/thunderbird e dentro il file così creato scrivere /usr/share/applications/thunderbird.desktop

Anche l’applet è a posto.[singlepic id=910 w=320 h=240 float=center]