Archivi categoria: Programmazione

Ruby on Rails 2.0

E’ pronta la nuova release di Ruby on Rails con una serie importante di nuove features. “Questa versione è un trionfo su larga scala per lo sviluppo open source e si può essere davvero orgogliosi del lavoro svolto”, è il commento apparso sul sito di Ruby. Così sono davvero curioso di esplorare le nuove, annunciate meraviglie di questo framework.

Continua a leggere

Adobe Air per Linux, Beta, ma secondo a nessuno.

Ho provato Adobe Air (Adobe Integrated Runtime) per Linux, il famoso sistema di runtime multi piattaforma che permette l’utilizzo di Flash, Flex, JavaScript, Ajax per la creazione di rich Internet application (RIA). e lo trovo una meraviglia. Non starò a dilungarmi sulle caratteristiche del prodotto, lo hanno già fatto in molti, né intendo prendere parte a guerre di “religione” sul più o meno presunto avvicinamento di Adobe al mondo open source, mi interessa semplicemente la bontà del prodotto e, credetemi, buono lo è davvero. L’installazione è facile, basta scaricare l’installer da qui, renderlo eseguibile con chmod +x adobeair_linux_b1_091508.bin e lanciarlo così: ./adobeair_linux_b1_091508.bin. Alla fine avremo due nuove voci nel menu Applicazioni–>Accessori:

[singlepic=605,320,240,,]

Ho provato anche due esempi di applicazioni scaricate dal sito di Adobe Labs, Fresh, un lettore di feed rss,  [singlepic=603,320,240,,]

e RoadFinder che combina la potenza di due dei più popolari sistemi di mappe online: Yahoo Maps e Google Maps. [singlepic=604,320,240,,]
Ovviamente per chi ha capacità e voglia di apprendere, niente è più bello che costruirsi le applicazioni da soli. O no?

Nuovo rails 2.1

Per gli appassionati di programmazione ecco la versione 2.1 di questo splendido framework che risponde al nome di ruby on rails.  Questa versione di rails è il risultato di 6 mesi di collaborazione con sviluppatori di tutto il mondo, che ha prodotto più di 1600 patches, un numero veramente considerevole. Su http://weblog.rubyonrails.org è presente l’elenco delle nuove features, mentre per quanto riguarda l’installazione sulla mia Ubuntu hardy ecco la procedura:

  • sudo apt-get install ruby irb ri rdoc ruby1.8-dev libzlib-ruby libyaml-ruby libreadline-ruby libncurses-ruby libcurses-ruby libruby libruby-extras libfcgi-ruby1.8 build-essential libopenssl-ruby libdbm-ruby libdbi-ruby libdbd-sqlite3-ruby sqlite3 libsqlite3-dev libsqlite3-ruby libxml-ruby libxml2-dev (questa è la procedura di installazione tramite apt, che non consiglio, in quanto installa tutta una serie di componenti non necessari e può dare problemi di configurazione).

Questa invece la procedura tramite gem, il package manager di rails

  1. sudo apt-get install ruby rubygems irb ri rdoc ruby1.8-dev build-essential;
  2. sudo gem update –system;
  3. sudo gem install rails.

Non vi resta che programmare.

P.S. Se dopo sudo gem update –system ricevete un errore del tipo: /usr/bin/gem:23: uninitialized constant Gem::GemRunner (NameError), lanciate gedit /usr/bin/gem e, dopo la riga require ‘rubygems’, inserite require ‘rubygems/gem_runner’ .

Soluzione all’errore della libreria deviceman.cc

[singlepic=281,141,131,,right]Come sanno oramai tutti gli appassionati della compilazione , durante l’esecuzione di make, cmake o emuli, è facile imbattersi nei più svariati problemi: dipendenze non soddisfatte, pacchetti non aggiornati o mancanti e chi più ne ha più ne metta. Ergo la compilazione è una attività assolutamente esaltante, ma rischiosa per coronarie, fegato e bile. L’ultimo attacco “bilioso” di questa mattina è dovuto a questo errore:
extragear/multimedia/kmid/libkmid/deviceman.cc:61:2: error: #error HAVE_ALSA_ASOUNDLIB_H or HAVE_SYS_ASOUNDLIB_H should be defined.
In sostanza la libreria deviceman.cc cerca l’header di alsa, ma non lo trova. Controllo in usr/include/alsa e trovo tranquillamente i file in questione: asounddef.h, asoundlib.h… .
Questo il contenuto di deviceman.cc che ci interessa:

56#ifdef HAVE_ALSA_ASOUNDLIB_H
57# include
58#elif defined(HAVE_SYS_ASOUNDLIB_H)
59# include
60#else
61#error HAVE_ALSA_ASOUNDLIB_H or HAVE_SYS_ASOUNDLIB_H
62#endif

Basta eliminare completamente la riga la riga 61 e, a patto di avere soddisfatto tutte le dipendenze, la compilazione va a buon fine.
P.S ho dovuto compilare Amarok2 a parte, perchè kdesvn-build non ci riusciva, ma questo sarà oggetto del prossimo post.
Spero di essere utile a qualcuno, e nello stesso tempo spero che mi aiutiate a capire il perchè di questo problema.
L’unione delle menti moltiplica la conoscenza…

Una collezione di guide per GUI designers.

Il mio solito girovagare per la rete stavolta ha prodotto questa collezione di guide per GUI designers; una raccolta di documenti atti a fornire le linee guida per esperti di usabilità, GUI e Visual designers:

 

  • Apple Human interface guidelines -Mac OS X è dotato di Aqua, una delle più famose e meglio strutturate interfacce utenti. Queste linee guida sono state progettate per assistere lo sviluppatore nello costruzione di software che permetta agli utenti di Mac OS X una piacevole esperienza visiva e un avanzato livello di funzionamento.

  • GNOME Human Interface guidelines 2.0Questo documento descrive come creare applicazioni che si integrino pienamente con l’interfaccia utente di GNOME. È scritto per progettisti di interfacce, artisti grafici e sviluppatori di software ed è ricco di consigli per rendere efficace ed originale l’azione di questi, ferma restando la filosofia e i principi generali di progettazione che stanno dietro l’interfaccia di GNOME.

  • KDE 4.0 Human Interface guidelinesQueste linee guida si propongono di specificare l’uso e i modelli di interazione e di “look-and-feel” per applicazioni di KDE. L’obiettivo è quello di fornire alcune regole per i GUI designers che possano aiutare gli sviluppatori a progettare e scrivere applicazioni che siano di facile utilizzo e coerenti con il K Desktop Environment.

  • Sun Web applications guidelines 4.0Create da GUI designer, esperti di usabilità, progettisti e grafici, queste linee guida si propongono l’obiettivo di delineare una serie di regole di comportamento nella creazione di una applicazione web usabile e funzionale, che possano essere poi seguite costantemente per tutte le altre applicazioni. Pensate originariamente per uso interno a Sun Microsystems, vengono adesso condivise con tutti gli sviluppatori interessati.

[Articolo di riferimento: A collection of usability guides for GUI designers]