Quale distro per il piccolino? Seconda puntata.

Come sapete dal mio primo post, mi sono messo in testa di trovare la distro perfetta per il “piccolino”, al secolo netbook Asus EeePC 900. Devo dire che l’impresa si presenta tutt’altro che facile, perchè oramai tutte le distribuzioni si concentrano sui processori Atom, mentre il “nostro” presenta un più vecchio Intel Celeron, per cui alcuni dei maggiori difetti, o addirittura l’impossibilità di utilizzo della promettente nuova creatura di Intel, Moblin 2.0, sono dovuti proprio a questo. In breve ho testato Jolycloud e Ubuntu Netbook Remix 9.10 Alpha 5:
La prima, a fronte di un processo di boot velocissimo, una volta installata presenta un difetto abbastanza grave, ovvero la scomparsa dei bordi delle finestre ( la cosa non succede con boot da usb key).
La seconda, invece, presenta una interfaccia remix innovativa, ma è affetta da un bug in desktop-switcher per cui, quando si passa da una modalità desktop all’altra, si assiste ad una serie di inconvenienti grafici alle finestre e alla barra dei menu.
Occorre, in via definitiva, osservare che sono ambedue progetti alpha, ovvero in stato di progressivo sviluppo, per cui si spera che tali difetti vengano corretti al più presto. Se così sarà, a mio parere, possono tutti e due legittimamente aspirare al titolo di “Distro perfetta per il piccolino”. Se avete altri suggerimenti o conoscete qualche distribuzione dagli effetti “orgasmici” vi prego di segnalarla… .

Quale distro per il mio laptop?

Come tutti sanno, pochi giorni fa l’airone ha spiccato il suo volo e devo dire con buoni risultati in termini di miglioramento delle prestazioni complessive e una buona stabilità del sistema. Purtroppo sul mio laptop si verifica quel tal problema già documentato in post precedenti, che a tutt’oggi non sono riuscito a risolvere; ragione per cui sono ritornato al “gibbone”. Tuttavia, essendo il sottoscritto uno “smanettone” per necessità e vocazione, non riesco a desistere dal provare il “nuovo”, quindi mi si pone un dilemma: Quale distro (nuova, aggiungerei) per il mio laptop?
La soluzione non è facile, soprattutto considerando il fatto che di buone distro ce ne sono parecchie in giro, né tantomeno intendo mettermi a fare una di quelle “guerre di religione” proprie, ahimè, di alcuni ambienti del pinguino (partecipo all’iniziativa “no alla distro war”, quindi…); così riparto alla ricerca di un mio antico amore, opensuse, giunto alla fase di sviluppo beta 1 della versione 11. Non starò ad elencarne tutte le caratteristiche perchè non è questo l’oggetto del post, ma dirò degli ultimi gli aggiornamenti:

  • Linux kernel 2.6.25-rc9
  • gcc 4.3
  • libzypp 3.12.1
  • PackageKit 0.2.0
  • AppArmor 2.3
  • Xen 3.2.1 RC1
  • glibc 2.8 CVS
  • PulseAudio 0.9.10

Per ulteriori informazioni è possibile consultare qui, mentre per il download qui. Inoltre ecco il countdown per l’uscita della versione stabile.

A me sembra una buona soluzione per il mio laptop, sperando di non incorrere negli stessi problemi di Heron; se ne avete di altre sufficientemente interessanti fatevi avanti…

Quale distro per il piccolino? Quinta puntata (Finalmente Moblin).

Finalmente Karmic Moblin Remix funziona sul mio “piccolino”. Installazione andata a buon fine, wireless funzionante, niente più scatti, insomma quasi tutto alla perfezione. Il quasi è deteminato dall’impossibilità di ottenere l’interfaccia Moblin in italiano, ma è poca roba. [singlepic id=881 w=320 h=240 float=center]Distro dalla concezione rivoluzionaria, orientata al web 2.0 e, a mio parere, particolarmente adatta ai netbook di vecchia generazione, quelli con lo schermo inferiore ai dieci pollici, con una potenza di calcolo non elevata (la distro è particolarmente veloce nei tempi di boot e di risposta ai comandi), mentre per le macchine con processori Atom e schermi tra i 10 e gli 11,6 pollici sinceramente preferisco distribuzioni con maggiori possibilità di personalizzazione, flessibilità e controllo. De gustibus… ![singlepic id=882 w=320 h=240 float=center]

Ubuntu contro tutti!

Ho appena chiuso il sondaggio sulla distro preferita e, anche se non ci sono pretese di scientificità, il trend mi sembra abbastanza indicativo, Ubuntu surclassa tutti…

[poll id=”1″]

Distro personalizzata in pochi click.

Come creare facilmente una distribuzione personalizzata in poco tempo? Semplicemente usando uno qualsiasi dei tool sviluppati per questo scopo (UCK, Reconstructor…). Io ho provato il primo; Ubuntu Customization Kit [singlepic=203,320,240,,] è un tool sviluppato da un pogrammatore italiano Fabrizio Balliano, che permette la personalizzazione dei live CD Ubuntu (incluse Kubuntu, Xubuntu e Edubuntu). Con UCK è possibile aggiungere software o personalizzare il supporto linguistico (wikipedia).
Ho fatto così:
Continue reading