Ati, la speranza è open source.

Se nel post La bellezza di possedere una scheda Amd/Ati, ho espresso un elevato grado di “incazzatura”, in questo comunico una speranza. Intendiamoci, niente a che vedere con Amd/Ati, se aspettiamo loro stiamo freschi, il barlume di luce si intravede per merito di David Airlie, che nel suo blog ha condiviso i risultati, ancora parziali, della riscrittura dei driver Ati Radeon per Mesa. Questo enorme, e aggiungerei meritorio lavoro si pone l’ obiettivo di supportare buffer management, DRI2, Frame Buffer Objects, che, ovviamente, sono tutti prerequisiti per un kernel memory management tipo GEM (Graphics Execution Manager, il progetto di Intel). Ma dicevo dei progressi di Airlie, intanto ha iniziato a lavorare sul codice FBO su DRI2, ha risolto alcuni bug sulle schede r100 e r200, mentre incontra ancora difficoltà con il buffer rendering del DRI2 che non disegna la finestra dove dovrebbe. Tuttavia, al di la degli aspetti strettamente tecnici che gli appassionati possono seguire sul blog del nostro, ciò che’ mi preme sottolineare è la grande aspettativa che tutti gli utenti Ati hanno nei confronti di questo progetto non fosse altro per affrancarsi dai “signori” di Amd, speriamo che sia finito ed incluso nei Mesa 7.5 che, tra l’altro, avranno anche il supporto a Gallium 3D (la libreria grafica sviluppata da Tungsten Graphics n.d.r.).
Grosse novità, amici!

Ubuntu Intrepid su IdeaProgress

Dopo aver più volte citato il mio, oramai famoso, notebook per le più svariate installazioni delle varie distro del pinguino, ho deciso di costruire una guida cercando di sottolineare i punti salienti del processo di configurazione di ubuntu intrepid ibex. Ricordo che il portatile è un IdeaProgress con Processore Intel Pentium 4 a 3GHz, un Giga di RAM, hard disk Hitachi da 80 GB, scheda video Ati Mobility Radeon 9600 da 128 MB, sistema audio 82801EB/ER (ICH5/ICH5R) AC’97 Audio Controller, 4 porte Usb, una FireWire, una interfaccia ethernet, un DVD reader COMBO LSC-24082K, un modem analogico.
L’installazione non presenta alcun problema e, se non si hanno esigenze particolari di partizionamento, basta seguire l’installer e le indicazioni a video, scegliendo la lingua italiana, il partizionamento guidato, impostando l’ora e aspettare una ventina di minuti per avere il sistema pronto e “quasi funzionante”. Tra qualche riga argomenterò il “quasi”, per adesso vi sottopongo questo screenshot di gparted con le mie partizioni:

[singlepic=717,320,240,,center]

Le periferiche di cui sopra sono state tutte correttamente riconosciute ed il sistema sembrerebbe funzionante. Tuttavia ad un’ analisi più attenta insorgono due problemi:

  1. l’audio non funziona;
  2. i driver proprietari della scheda video, sicuramente più performanti di quelli open e quindi necessari per un uso più intenso dell’ hardware, mandano in crash il sistema.

Per quanto concerne il primo punto la spiegazione è semplice quanto incredibile ed è documentata nel post “Airone parlante“; si tratta di un conflitto di IRQ la cui soluzione è quella di inserire nella linea di boot del file /boot/grub/menu.lst questa riga: irqpoll pci=routeirq.
Il secondo punto, invece, è stato trattato nell’ articolo “C’eravamo tanto illusi…” e si riferisce ad un bug, per quanto ne so ancora irrisolto, che interessa la mia Ati Mobility Radeon 9600 e il nuovo X.org 7.4. Mi tocca usare i driver open.
A questo punto ho aggiornato il tutto col solito comando sudo apt-get update & upgrade, installato il plugin flash per firefox, ffmpeg non appena il sistema me lo ha richiesto, e la versione 3.0 di Openoffice.
Infine ho aggiunto altre tre applicazioni, che per me sono indispensabili, virtualbox, filezilla e azureus vuze; per chi non lo sapesse, una macchina virtuale, un client ftp e un client per file torrent.

[singlepic=718,320,240,,center]

Conclusioni
La grande capacità delle distro linux di riconoscere oramai quasi tutti i dispositivi hardware permette l’uso del pinguino su larga scala; le barriere da abbattere sono esclusivamente di tipo culturale legate all’ assunto “se costa nulla non vale“. Tuttavia permangono alcuni piccoli problemi, specialmente in relazione ai notebook, che richiedono competenza tecnica e anche un pizzico di fortuna (penso al punto 1 che tanto mi ha fatto penare). Le prestazioni sono buone sia in rapporto a Windows xp che, manco a dirlo, a Windows Vista. Quest’ ultimo girava con una lentezza addirittura esasperante a causa, credo, della non elevata potenza della scheda video (“solo” 128 MB) e delle prestazioni altrettanto poco eccelse dell’ hard disk (5400 rpm).

Dri2, gli albori…

Vi ricordate del post “Compilare compiz fusion sul piccolino” ? In questo articolo evidenzio un conflitto tra Dri e OpenGl e auspico il rilascio del Dri2 come elemento di risoluzione del problema. Ebbene, sembra che quel momento stia per arrivare; infatti sul suo blog Jerome Glisse (uno degli sviluppatori del driver Radeon) dichiara di aver speso un po’ del suo tempo durante quest’ultima settimana sul Dri2, per adesso solo su r300, ma la maggior parte del lavoro dovrebbe potersi applicare anche sulle altre schede. Questa nuova architettura, a differenza di quella del Dri1 che si comporta come una sorta di wrapper, dovrebbe dialogare direttamente con l’hardware; inoltre, poichè attraverso un memory manager soltanto il kernel conosce l’indirizzo hardware di un oggetto, il kernel stesso cambia il comando che si riferisce a quell’ oggetto e ne scrive l’ indirizzo prima che il flusso di comando venga mandato all’hardware stesso. Ovviamente ne dovrebbe scaturire un incremento notevole delle prestazioni, anche se , avverte Glisse, allo stato attuale siamo ancora troppo lontani dall’optimunm (un frame al minuto…!). Comunque, al di la delle spiegazioni troppo tecniche, il nostro Glisse ammonisce sulla instabilità del Dri2, e non potrebbe essere altrimenti visto che siamo ancora gli albori, per cui se tra di voi esiste qualche temerario che abbia voglia di misurarsi con questo “enorme rompicapo”, non ha che da buttare un’occhiata qui:

git://anongit.freedesktop.org/mesa/drm modesetting-gem
git://people.freedesktop.org/~glisse/xf86-video-ati radeon-gem-cs-dri2
git://people.freedesktop.org/~glisse/mesa r300-bo-cs

Ma, mi raccomando, con prudenza e moderazione.